da www.corrierecomunicazioni.it


Con l’entrata in vigore dello Sblocca Italia diventa obbligatoria la predisposizione alla banda larga nelle nuove abitazioni e in quelle oggetto di importanti ristrutturazioni


Da oggi lo smart building diventa realtà. E’ entrato oggi in vigore il decreto Sblocca Italia contenente anche norme sugli edifici in rete. “Tutti gli edifici – prevede la legge – di nuova costruzione devono essere equipaggiati con un’infrastruttura fisica multiservizio passiva interna all’edificio, costituita da adeguati spazi installativi e da impianti di comunicazione ad alta velocità in fibra ottica fino ai punti terminali di rete”. La normativa rende perciò obbligatoria la predisposizione nelle nuove abitazioni e in quelle oggetto di importanti ristrutturazioni.

Sono tre i commi dell’articolo 135-bis che riguardano la cablatura degli edifici. Il primo prevede che tutti gli edifici di nuova costruzione per i quali le domande di autorizzazione edilizia sono presentate dopo il 1 luglio 2015 debbano forniti di un’infrastruttura fisica multiservizio passiva interna all’edificio, costituita da adeguati spazi installativi e da impianti di comunicazione ad alta velocità in fibra ottica fino ai punti terminali di rete.  Per infrastruttura fisica multiservizio interna all’edificio si intende il complesso delle installazioni presenti all’interno degli edifici contenenti reti di accesso cablate in fibra ottica con terminazione fissa o senza fili che permettono di fornire l’accesso ai servizi a banda ultralarga e di connettere il punto di accesso dell’edificio con il punto terminaledi rete.

Il secondo comma stabilisce che tutti gli edifici di nuova costruzione per i quali le domande di autorizzazione edilizia sono presentate dopo il 1 luglio 2015 debbano essere equipaggiati di unpunto di accesso. Il punto di accesso è il punto fisico, situato all’interno o all’esterno dell’edificio e accessibile alle imprese autorizzate a fornire reti pubbliche di comunicazione, che consente la connessione con l’infrastruttura interna all’edificio predisposta per i servizi di accesso in fibra ottica a banda ultralarga.

Infine il provvedimento prescrive che gli edifici “smart” possano beneficiare, ai fini della cessione, dell’affitto o della vendita dell’immobile, dell’etichetta volontaria e non vincolante di “edificio predisposto alla bandalarga”.